43

VITA A BORDO NELLA REGIA MARINA IN FOTO

REGIA MARINA IN NAVIGAZIONE

IN FOTO

TORRETTA TELEMETRICA  REGIA MARINA

INTERNI NAVE DA BATTAGLIA ROMA

REGIA MARINA A COLORI

I REPARTI SPECIALI DELLA REGIA MARINA

FLOTTIGLIA MAS

“memento audere semper”

 

Le prime unità operative risalgono alle fasi iniziali della prima guerra mondiale, quando il cantiere navale veneziano SVAN (acronimo per Società Veneziana Automobili Navali) fornì alla Regia Marina i suoi primi mezzi speciali denominati MAS, acronimo di Motobarca Armata SVAN. Le prime due unità, MAS 1 e MAS 2, furono completate nel giugno 1915.

La Regia Marina si era interessata ai motoscafi siluranti già a partire dal 1906, quando venne avviata la definizione di un progetto per una «barca torpediniera mossa da motore a scoppio», com'era definita all'epoca capace di raggiungere una velocità massima di venti nodi e con una lunghezza di circa 15 metri. Tale progetto rimase sulla carta fino al 1914.

L’AFFONDATORE

Questo era il nome con cui veniva chiamato l’Ammiraglio Luigi Rizzo che con le sue imprese eroiche portò agli allori i suoi “Mas”. Dal 1917 Rizzo partecipò ad una serie di missioni ardite che portarono alla cattura di un idro austriaco e del suo equipaggio, poi affondò la corazzata austriaca WIEN. Nel febbraio del 1918 insieme a D’ Annunzio e Costanzo Ciano portò a termine la “Beffa di Buccari” ( azione dimostrativa di forzamento del porto )

 in seguito partecipò all’azione di Premuda dove affondò la corazzata “Szent Istvan” con il suo Mas 15.

MAS 15

 

Il MAS 15 è attualmente una nave museo al Sacrario delle bandiere al Vittoriano di Roma. L'unità è storicamente importante in quanto il 10 giugno 1918, al comando del Tenente di Vascello Luigi Rizzo, fu protagonista dell'impresa di Premuda avendo causato l'affondamento della corazzata della Marina Austro-Ungarica Szent István, al largo di Premuda, e tale evento viene commemorato con l'attuale festa della Marina Militare

Fondamentalmente si tratta di un motoscafo da 20-30 tonnellate di dislocamento, con una decina di uomini di equipaggio e armamento costituito generalmente da 2 siluri e alcune bombe di profondità, oltre ad una mitragliatrice o ad un cannoncino.